Vince la Sibilla, ma il “Chiovato” è ancora chiuso: nessuno convoca la “Commissione Spettacolo”

imageLa #BacoliSibilla1925 trova la seconda vittoria in campionato, contro il San Giuseppe: bissato il successo casalingo ottenuto contro la Puteolana, due settimane fa. E sale a quota 6 punti in classifica.

Ma il “Tony  Chiovato” resta off-limits per i tifosi bacolesi. Gli spalti, da un mese, sono vietati al pubblico.

Motivo? La surreale lentezza della burocrazia comunale. In cui ci si diletta nell’arte dello “scarica barile”.

Difatti, per aprire i cancelli dello storico stadio posto alle pendici del Castello Aragonese di Baia, basterebbe che qualcuno si decidesse a convocare la “Commissione Spettacolo”.

Solo pochi minuti, ma è già passato un mese.

Un tempo inaccettabile anche per un paese commissariato. Non è possibile difatti che la principale squadra di calcio del territorio, nata 91 anni fa, sia costretta a giocare le proprie gare casalinghe o lontano da Bacoli, o addirittura a porte chiuse.

Con tanti tifosi costretti a guardare la partita, e sostenere i biancoazzurri, dalla strada: dietro i cancelli sigillati da catenacci.

E lo stesso problema, senza un’immediata soluzione, sarà vissuta da tutti coloro che vivono l’impianto: scuole calcio, società.

In Municipio, senza il controllo quotidiano di un’amministrazione votata dal popolo, qualcuno deciderà mai di assumersi le proprie responsabilità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.